Vuoi occhi di lince? Pedala!

L’intensità dei raggi UV non ha stagionalità. Soprattutto se è incrementata dal riverbero della neve.

I ricercatori dell’Università di Pisa e dell’Istituto di Neuroscienze del CNR hanno infatti scoperto come l’attività motoria, e quella ciclistica in particolare, contribuisca a migliorare la vista. Dal momento che agisce proprio sulla capacità del cervello di adattarsi rapidamente in risposta agli stimoli ambientali (la cosiddetta ‘plasticità cerebrale’). La ricerca, pubblicata su Current Biology, si è concentrata sulla percezione dei segnali da parte dei due occhi ed è partita dagli effetti di 2 ore di bendaggio di un occhio in 20 soggetti adulti e in 2 diverse condizioni sperimentali. In una, i volontari stavano semplicemente seduti. Nell’altra, pedalavano su una cyclette. E’ emerso che, nei “pedalatori”, la plasticità del cervello è stata stimolata a un livello maggiore, fornendo segnali potenziati all’occhio bendato. Senza addentrarci in dettagli tecnico-scientifici, la ricerca ha quindi dimostrato quanto pedalare contribuisca a mantenere un cervello più giovane e, di conseguenza, con capacità visive migliori. Le ripercussioni di questo studio sulla cura delle patologie le vedremo più in là. Ma intanto dà piena ragione alle parole di molti medici di chiara fama. Tra cui Umberto Veronesi: lui ha sempre sponsorizzato la bicicletta come valido aiutante per la salute a 360 gradi, a tutte le età e senza controindicazioni…

I consigli del Dr. Carones

Hai già adottato questo consiglio?

Condividi con noi i tuoi suggerimenti!

5 + 1 =

CARONES Vision tratta i suoi dati secondo quanto disposto dal REG. UE 679/2016. Per la consultazione della privacy policy e la prestazione del consenso al trattamento dei dati, cliccare qui.

AVVERTENZA

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo. In nessun caso rappresentano una diagnosi o costituiscono la prescrizione di un trattamento. Non intendono e non devono comunque e in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o una visita medica specialistica. Raccomandiamo di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo a qualsiasi indicazione riportata.